Sorveglianza sanitaria "straordinaria" e visita degli ambienti di lavoro

medicina lavoroTra i compiti attribuiti dal Testo Unico in materia di sicurezza sul lavoro al Medico Competente vi è quello di:

1. effettuare la sorveglianza sanitaria anche nel caso in cui "il lavoratore ne faccia richiesta e la stessa sia ritenuta dal medico competente correlata ai rischi lavorativi" (art. 41 comma 1 lettera b) del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.);
2. visitare "gli ambienti di lavoro almeno una volta all’anno o a cadenza diversa che stabilisce in base alla valutazione dei rischi" (art. 25 comma 1 lettera l) del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.).

Su questi due temi la CISL nazionale ha interrogato la Commissione per gli Interpelli chiedendo di conoscere se:

Leggi tutto...

Il dirigente per la sicurezza e la delega di funzioni

delega dirigente sicurezza sul lavoroCon l'Interpello n.7/2015 del 2 novembre 2015 la Commissione per gli interpelli risponde ad una richiesta di chiarimento formulata dall'Unione Sindacale di Base dei Vigili del Fuoco circa la delega di funzioni e nel dettaglio sulla possibilità da parte del lavoratore di poter rifiutare eventuali deleghe formulate dal Datore di Lavoro e/o da un suo delegato.

Leggi tutto...

Commissione per gli Interpelli su formazione RSPP e codice ATECO

formazione SSLLa Federazione ANIE chiede di conoscere quali siano i criteri per la corretta identificazione del macrosettore di riferimento e del corso di formazione modulo B per Responsabile del Servizio di Prevenzione e di Protezione dopo l'introduzione del nuovo sistema di classificazione delle attività economiche ATECO 2007, essendo la normativa di riferimento (Accordo Stato-Regioni del 26 gennaio 2006 sulla formazione del RSPP) riferita alla ormai obsoleta classificazione ATECO 2002.

Leggi tutto...

Locali interrati e seminterrati

locali interrati e seminterratiCon l'interpello n.5/2015 la Commissione risponde ad un quesito formulato dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri in merito alla corretta interpretazione di quanto disposto dall'art.65 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. in merito alla destinazione ad attività lavorativa di locali interrati e seminterrati.

Leggi tutto...

La prevenzione degli incendi negli impianti fotovoltaici

rischio incendio negli impianti fotovoltaiciLa Direzione Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica del Copro Nazionale dei Vigili del Fuoco ha pubblicato sul proprio sito istituzionale il documento dal titolo "Relazione tecnica sugli incendi coinvolgenti impianti fotovoltaici" redatto a cura del Nucleo Investigativo Antincendi di Roma Capannelle.

La guida si applica a tutti gli impianti fotovoltaici di tipo fisso destinati ad operare in parallelo alla rete del distributore di energia e ad impianti fotovoltaici di tipo isolato e fornisce un'analisi delle principali cause di incendio che possono originarsi nei pannelli, nei quadri stringa, nei cavi, nei cablaggi e negli inverter.

Leggi tutto...

La valutaione dei rischi e la formazione di un lavoratore adibito a nuove mansioni nell'ambito della medesima figura professionale

Valutazione dei rischiL'ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili) ha inoltrato istanza di interpello per avere dei chiarimenti in merito a valutazione dei rischi per la mansione e formazione del lavoratore qualora questi, seppur in possesso di formazione per lo svolgimento di una determinata attività, venga assegnato altresì allo svolgimento di ulteriori singole mansioni che, seppur non svolte in precedenza, siano annoverate nell'attività principale per la quale è stata erogata la formazione stessa.

Leggi tutto...

La gestione del fumo di tabacco in azienda

gestione del fumo in aziendaL'INAIL ha pubblicato sul proprio sito istituzionale un utile manuale sulla gestione del fumo di tabacco in azienda.

L'entrata in vigore della legge 3/2003 che, con il suo art.51, sancisce il divieto di fumo in tutti i luoghi chiusi non privati, ha segnato la necessità anche da parte del datore di lavoro di gestire il fumo di tabacco all'interno della propria azienda.

Il documento, realizzato dal Dipartimento di Medicina, Epidemiologia, Igiene del Lavoro ed Ambientale, si propone quale strumento, a disposizione del datore di lavoro e delle varie figure aziendali, per l'informazione dei lavoratori ed il perseguimento di un miglioramento della salubrità degli ambienti di lavoro, fornendo in primis indicazioni di carattere generale sul fumo di tabacco e sui rischi ad esso connessi.

Leggi tutto...

POS e impresa familiare

Piano Operativo di Sicurezza RomaCon l'interpello n.03/2015 la Commissione degli Interpelli risponde alla Federazione Nazionale UGL Sanità che ha chiesto chiarimenti sulla necessità da parte delle imprese familiari, che operano in un cantiere temporaneo e mobile, di redigere il piano operativo di sicurezza POS di cui all'art. 89, comma 1, lettera h) del d.lgs. n. 81/2008 riportando tutti i contenuti minimi previsti dall'allegato XV dello stesso decreto legislativo.

Leggi tutto...

Jobs Act: le principali modifiche al testo unico

gazzetta ufficialeCon l'approvazione del Decreto Legislativo 14 settembre 2015, n. 151 recante "disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese e altre disposizioni in materia di rapporto di lavoro e pari opportunita', in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183" sono state introdotte importanti modifiche all'attuale normativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Di seguito le principali modifiche racchiuse nell'articolo 20 del citato decreto legislativo:

Leggi tutto...

Ingegnere e requisiti del formatore

formatoreCon l'entrata in vigore del Decreto Interministeriale del 6 marzo 2013 sono stati identificati i criteri che devono possedere i formatori in materia di salute e sicurezza sul lavoro; alla luce di tale decreto, perr poter essere qualificato, il docente dovrà dimostrare di possedere un diploma di scuola media superiore e di ottemperare ad uno dei sei requisiti definiti dallo stesso.

Il citato decreto individua inoltre tre distinte aree tematiche di formazione ed è proprio su tale aspetto che verte l'istanza di interpello formulata dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri, il quale chiede di conoscere se un Ingegnere, che svolga attività professionale in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, possa svolgere, in base al proprio titolo di studio e profilo professionale, il ruolo di formatore in tutte le aree tematiche previste.

Leggi tutto...

Certificazione energetica degli edifici: completato il recepimento della normativa europea

certificazione energeticaContinua e si completa con tre decreti attuativi del ministero dello Sviluppo Economico il recepimento della Direttiva 2010/31/UE in materia di prestazione e certificazione energetica degli edifici.
Il primo passo per il recepimento era stato compiuto con il D.L. n.63 del 4 giugno 2013 (convertito in legge con modifiche con la Legge n.90 del 4 agosto 2013).

I tre decreti attuativi denominati tutti Decreto Ministeriale 26 Giugno 2015 hanno per oggetto la definizione di "edificio a energia quasi zero", di una nuova metodologia di calcolo e di nuovi requisiti limite per le costruzioni.

Leggi tutto...

Coordinatore per la progettazione e cantieri stradali

cantiere stradale

La Commissione per gli Intepelli risponde con ad un quesito formulato dalla Federcoordinatori in merito al ruolo del Coordinatore per la Sicurezza in fase di Progettazione nell'applicazione dell'art.2 del decreto interministeriale del 04 marzo 2013, inerente i criteri generali di sicurezza relativi alle procedure di revisione, integrazione e apposizione della segnaletica stradale destinata alle attività lavorative che si svolgono in presenza di traffico veicolare.

Leggi tutto...

Il rischio biologico negli ambulatori "Prime cure"

rischio biologico ambulatoriCon la pubblicazione del documento dal titolo "Il rischio biologico negli ambulatori "Prime cure" INAIL Proposta di valutazione attraverso una metodologia integrata" la Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione dell’ Inail si propone di introdurre un algoritmo per la valutazione del rischio biologico all'interno di quelle strutture sanitarie in cui sono fornite le prime cure ambulatoriali.

Leggi tutto...

La sicurezza ed il benessere nelle scuole

Sicurezza e benessere nelle scuoleLa scuola, a fronte di 765.818 docenti (scuola pubblica) e 8.961.159 studenti (pubblica e privata), rappresenta una settore particolarmente rilevante per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro.
Pertanto, sulla spinta del protocollo di intesa tra Ministero della Pubblica Istruzione e INAIL, finalizzato a promuovere attività di orientamento, in materia di sicurezza sul lavoro, rivolti a studenti di istituti superiori secondari di 2° grado, è nato il progetto "Sicurezza e benessere nelle scuole”.
Il progetto ha condotto, su alcune scuole del comune di Roma, un monitoraggio dei principali fattori di rischio e/o disagio quali quelli legati alla qualità dell'aria (agenti biologici, agenti chimici, microclima, radioattività naturale) ed ergonomia degli ambienti (confort acustico, microclimatico ed ergonomia degli arredi).

Leggi tutto...

UNI EN ISO 14001 nuova edizione

Certificazione ambientale RomaPubblicata in lingua italiana la nuova edizione della norma UNI EN ISO 14001.

La UNI EN ISO 14001:2015 ritira e sostituisce interamente la UNI EN ISO 14001:2004, sui requisiti e guida per l'uso in materia di sistemi di gestione ambientale.

Il documento descrive i requisiti di un sistema di gestione ambientale che una qualsiasi organizzazione, indipendentemente dalla tipologia, dalla natura e dalla sua dimensione, può implementare ed attuare per migliorare le proprie prestazioni ambientali.

Leggi tutto...

il profilo di rischio per gli asfaltatori

valutazione dei rischi asfaltoPubblicato nella sezioni Pubblicazioni del sito dell'INAIL il documento dal titolo "Asfaltatori - I profili di rischio nei comparti produttivi dell’artigianato, delle piccole e medie industrie e pubblici esercizi".

Lo scopo del documento è quello di fornire un supporto al processo di valutazione dei rischi per la mansione degli asfaltatori soffermandosi sulle fasi di produzione del conglomerato bituminoso e su quella di applicazione dello stesso sull strade e sui marciapiedi, analizzando per ciascuna i rischi per la sicurezza, principalmente legati ai macchinari utilizzati, ed i rischi per la salute, originati in primo luogo da agenti chimici, quindi da MMC e rumore.

Leggi tutto...

Testo Unico - aggiornamento settembre 2015

aggiornamento normativo sicurezza sul lavoroPubblicato sul sito istituzionale del MInistero del Lavoro e delle Politiche sociali il testo del D.Lgs. 81/2008 coordinato con le disposizioni integrative e correttive in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Il testo aggiornato al settembre 2015 risulta integrato rispetto alla precedente edizione con le seguenti novità:

Leggi tutto...

Linee guida su Fibre Artificiali Vetrose

Rischi Fibre Artificiali Vetrose (FAV)In data 25 marzo 2015 la conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le province autonome di Trento e Bolzano ha approvato il documento dal titolo “Le Fibre Artificiali Vetrose (FAV): Linee guida per l’applicazione della normativa inerente ai rischi di esposizioni e le misure di prevenzione per la tutela della salute”.

Leggi tutto...

La sicurezza in risonanza magnetica

risonanza magneticaPubblicato dall'INAIL il documento dal titolo "Indicazioni operative dell’Inail per la gestione della sicurezza e della qualità in Risonanza Magnetica" un utile strumento per la gestione del rischio in un settore, quale quello sanitario, estremamente complesso.

L'utilizzo in ambito sanitario di apparecchi diagnostici a Risonanza Magnetica (RM) comporta l'esposizione di lavoratori e pazienti a rischi legati alle caratteristiche tecnologiche e strutturali dell'apparecchiatura stessa, dei quali molti sono dovuti a:

Leggi tutto...

La progettazione della sicurezza nel cantiere

La progettazione della sicurezza in cantiereL'INAIL pubblica il volume dal titolo "La progettazione della sicurezza nel cantiere" rivolto a tutti i soggetti che a vario titolo debbano ottemperare agli obblighi in materia di sicurezza sul lavoro nei cantieri previsti dal D.Lgs. 81/2008 e s.m.i..
Il documento si sofferma sugli aspetti relativi alla pianificazione dei lavori, l'organizzazione del cantiere e la redazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento descrivendo nel dettaglio tutte gli aspetti da considerare nella fase di allestimento dei cantieri temporanei e mobili.

Leggi tutto...

Grandi rischi: Direttiva Seveso III

Direttiva Seveso IIIPubblicato in Gazzetta Ufficile il 14 luglio 2015, entreto in vigore il 29 luglio, il Decreto Legislativo n.105 del 26 giugno 2015 "Attuazione della direttiva 2012/18/UE relativa al controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose".
La norma recepisce la Direttiva Seveso III che aggiorna e sostituisce integralmente le precedenti Direttive in materia con lo copo in primis di adeguarsi alla recente disciplina che ha modificato sensibilmente il sistema di classificazione, etichettatura ed imballaggio delle sostanze pericolose.

Leggi tutto...

Il sistema di gestione della sicurezza nelle industrie del settore chimico

sistema di gestione della sicurezza chimicaIl 24 marzo 2015, con la Determinazione del Presidente dell’Inail n. 84, sono state validate ed approvate le linee d’indirizzo per l'implementazione e l'attuazione di un sistema di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro (SGSL) nelle industrie chimiche.

Alle stesura delle stesse hanno partecipato professionisti dell’INAIL nonchè rappresentanti di Federchimica e delle organizzazioni sindacali del settore.

Leggi tutto...