• Sicurezza sul lavoro
  • Ambiente
  • HACCP e igiene degli alimenti
  • Formazione

Pubblicato sul sito dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro il testo aggiornato del D.Lgs. 81/2008 coordinato con i successivi ulteriori decreti integrativi e correttivi.
Il testo riporta un quadro complessivo delle principali normative in materia di salute e sicurezza sul lavoro e degli interpelli e circolari ad esso correlate.
L'aggiornamento del documento annovera le seguenti novità:

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.45 del 22 febbraio 2019 il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 24 dicembre 2018 con il quale si procede all'approvazione del MUD 2019

Il Modello Unico di Dichiarazione ambientale (di seguito denominato MUD) deve essere presentato alla Camera di commercio, Industria ed Artigianato e Agricoltura competente per territorio, in cui ha sede l'unità locale, cui si riferisce la dichiarazione, da tutti i soggetti produttori di rifiuti fatta eccezione per:

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale serie generale n.37 del 13 febbraio 2019 il Decreto Interministeriale del 22 gennaio 2019 "Individuazione della procedure di revisione, integrazione e apposizione della segnaletica stradale destinata alle attività lavorative che si svolgono in presenza di traffico veicolare."

Pubblicato sul sito dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro il testo aggiornato del D.Lgs. 81/2008 coordinato con i successivi ulteriori decreti integrativi e correttivi.
Il testo riporta un quadro complessivo delle principali normative in materia di salute e sicurezza sul lavoro e degli interpelli e circolari ad esso correlate.
L'aggiornamento del documento annovera le seguenti novità:

Una recente sentenza del Tar del Lazio, accogliendo l’appello presentato dall’Associazione per la Prevenzione e la Lotta all’Elettrosmog (APLE), obbligherà il Ministero dell'Ambiente, dell'Istruzione e della Salute a fare una campagna informativa congiunta rivolta alla popolazione sul corretto uso dei cellulari e sui rischi connessi a tale attività.

Uno dei tanti rischi connessi all'uso del cellulare è infatti quello di esposizione ai campi elettromagnetici.

La legge di Bilancio 2019 (legge 30 dicembre 2018 n. 145) con l'obiettivo di rafforzare l'attività di contrasto del fenomeno del lavoro sommerso e irregolare e la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro, sancisce con l'art.1 comma 445 da un lato il rafforzamento dell'attività di vigilanza dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro dall'altro l'incremento delle sanzioni amministrative e penali a carico del datore di lavoro.

rischio chimico

L'INAIL ha di recente pubblicato un opuscolo dal titolo "Agenti chimici pericolosi. Istruzioni ad uso dei lavoratori" indirizzato ai lavoratori ed anche ai Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza RLS con l'obbiettivo di descrivere gli aspetti principali dei rischi connessi all'utilizzo di agenti chimici pericolosi.

Nella seduta del Consiglio dei Ministri del tenutasi il 12 dicembre 2018 è stato approvato il Decreto Legge 14 dicembre 2018, n. 135 recante "Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione”.

Il Decreto Legge, che entrerà in vigore a partire dal 15 dicembre 2018, prevede, con l'art. 6, a partire dal 1° gennaio 2019 la soppressione del SISTRI.

rischio incendio attività commerciali

Pubblicato nell Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.281 del 3 dicembre 2018 il Decreto Ministeriale del 23 novembre 2018 "Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività commerciali, ove sia prevista la vendita e l'esposizione di beni, con superficie lorda superiore a 400 mq, comprensiva di servizi, depositi e spazi comuni coperti, ai sensi dell'articolo 15, del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139 - modifiche al decreto 3 agosto 2015".

La norma si applica, in alternativa alle specifiche norme tecniche di prevenzione incendi di cui al decreto del Ministro dell'interno 27 luglio 2010, a tutte le attività commerciali, di nuova realizzazione o esistenti, ove si effettui la vendita e l'esposizione di beni, con superficie lorda superiore a 400 mq comprensiva di servizi, depositi e spazi comuni coperti definiti con il numero 69 all'allegato I del DPR n.151 del 1° agosto 2011.